• Home
  • » Realizzazioni
  • » Relizzazione Metanodotto Palaia – Collesalvetti DN 1200 (48”) P=75 bar l=29,580 Km
 

Demolizione di un fabbricato in muratura portante e scavo di sbancamento per la realizzazione delle nuove fondazioni.

Descrizione dell'opera:Demolizione con l'ausilio di mezzo meccanico munito di braccio da ...

Lavori di realizzazione di palancolato perimetrale

Descrizione dell'opera:Esecuzione di pulizia preliminare dell'area ...

Lavori urgenti per la riparazione e messa in sicurezza delle infrastruttre portuali - Porticciolo di Antignano (Li)

Opere marittime per la rifioritura di scogliera in massi naturali; consolidamento del piede di ...

Opere edili di assistenza alla realizzazione del nuovo impianto di illuminazione pubblica in zona centro città 3° lotto

L'opera consiste nella realizzazione di scavi a sezione obbligata, con posa del cavidotto ...

| Archivio

 
 

Relizzazione Metanodotto Palaia – Collesalvetti DN 1200 (48”) P=75 bar l=29,580 Km

Denominazione cantiere: Relizzazione Metanodotto Palaia – Collesalvetti DN 1200 (48”) P=75 bar l=29,580 Km
Localizzazione: Comuni di Palaia, Ponsacco, Pontedera, Lari, Crespina, Fauglia, Collesalvetti
Committente: Snam Rete Gas
Categoria prevalente: OG3
Tipologia dell'appalto: Appalto pubblico
Importo dei lavori: € 500.000,00 €
Referenti Tecnici: Sig. Giuseppe Abate – Ing. Felice Cappuccio – P.I. Alessandro Frassi
Consegna lavori: ottobre 2012

L'intervento prevede l'esecuzione di opere civili nell'ambito dei lavori di nuova costruzione del Metanodotto Palaia - Collesalvetti.
Nello specifico l'impresa si occupa delle operazioni di apertura pista, che comprendono l'abbattimento e la rimozione di piante, con l'ausilio di manodopera e mezzi meccanici specifici, e l'accantonamento dell'humus; la fornitura e posa in opera di portali in legno per l'individuazione e la delimitazione delle linee elettriche e telefoniche, al fine evitare eventuali interferenze con le macchine operatrici; tutte le operazioni di ripristino, tra le quali il riposizionamento dell'humus e il livellamento dei terreni allo stato originario, attraverso spietramenti manuali e attrezzatura specifica per la vagliatura.Prova